Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn

UNA FAVOLA DI NATALE TUTTA ITALIANA

tratto da www.linkerblog.biz


Quello del 2013 sembrava dovesse essere un Natale molto triste nella Fabbrica dei Giocattoli. Con metà dei nanetti-operai in cassa integrazione da mesi, la produzione ridotta al minimo, niente più soldi in cassa e le linee di credito bloccate dalle banche dopo più di un anno di attesa per quell’accordo di ristrutturazione dei debiti che sembrava non finire mai, la Fabbrica si era dovuta fermare.
E tutto per colpa di quei mancati incassi dalla Suprema Amministrazione che, dopo avere ordinato come ogni anno i giocattoli per tutti i bimbi del regno per due o tre Natali negli anni precedenti, non aveva mai saldato le fatture della Fabbrica con una lunga serie di pretesti. A nulla erano servite le tante carte bollate compilate dal Vecchio proprietario, a nulla i ricorsi ai severi Giudici di Pace e Conciliazione.
Anche la visita ufficiale del Ministro della Crescita e Prosperità, arrivata all’improvviso a settembre, era servita a poco: un bel discorso, tanti fotografi e giornalisti e poi via su un corteo di auto blu, ma la Fabbrica era rimasta allo stesso punto, senza scorte per produrre i nuovi giocattoli perché molti fornitori non avevano più voluto inviare la merce senza ricevere un pagamento anticipato. I Direttori delle Banche del Credito Territoriale non si erano commossi nel vedere la barba bianca del titolare della Fabbrica quando era andato a chiedere di riaprire i finanziamenti; gli avevano parlato sommessamente delle regole di Basilea2, si erano dichiarati impotenti di fronte alle regole stabilite dalla loro implacabile Direzione Suprema e allargando le braccia avevano detto di non potere fare nulla per questo Natale, ritornando alle loro carte. L’Amministrazione Fiscale incombeva con nuove e sempre più pressanti pretese di pagamento delle tasse arretrate e persino sulla vecchia stalla che conteneva le renne era caduta nel mese di dicembre la scure di una nuova imposta da pagare.
Ma il grande Vecchio non si rassegnava, non poteva arrendersi all’idea che quest’anno i bambini non avrebbero trovato i loro doni sotto l’albero svegliandosi la mattina del 25 dicembre. Con la sua energia e il suo irresistibile sorriso chiamò nella fabbrica tutti i nanetti-operai, li radunò nella sala della produzione e parlò della loro missione di felicità verso i bambini, del futuro radioso a cui sarebbero andati incontro e alla fine convinse tutti a lavorare un altro mese senza la certezza di ricevere lo stipendio. Poi chiamò i fornitori che conosceva da più tempo, andò a trovarli personalmente e li convinse del suo progetto di ristrutturazione della Fabbrica, promettendo che avrebbe pagato fino all’ultimo centesimo. Diversi di loro si ricordarono che il Grande Vecchio aveva sempre onorato i propri impegni e decisero di fornirgli comunque la merce sufficiente a fare riprendere la produzione in tempo.
Così nel giro di poche settimane la produzione ripartì a tempo di record, con turni anche di notte. L’entusiasmo pervase la Fabbrica dal Grande Vecchio fino all’ultimo magazziniere e a poche ore dal momento della consegna si ritrovarono a festeggiare sotto il grande Albero: tutto era pronto per essere caricato sulla flotta di renne. Anche quest’anno sarebbe stato un Natale ‘normale’.
Buon Natale da InMind Consulting a tutti i clienti/partners/lettori ma soprattutto alle tante piccole imprese che hanno saputo resistere alle difficoltà di questo anno che sta per finire e un grande augurio che non debba più essere così difficile, nonostante le pessime abitudini di questo bellissimo Paese.

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

SOS Impresa SalernoConfimpreseApcoBanca EticaZululabPeople For PlanetAndrea BertiniTeamFourBW ConsulenzaUnimecatorumMoney FarmSuor Orsola BenincasaOrientatoriLettera 43ContasReal TimeAngaisaCentro Commerciale Vomero ArenellaLVN

 

InMind Consulting S.r.l. - P.IVA 07414621214
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.inmindconsulting.eu