Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn

PAGAMENTI: IL CONTAGIO DEL BUON ESEMPIO

tratto da: www.linkerblog.biz

PAGAMENTI: IL CONTAGIO DEL BUON ESEMPIO  Cosa ne dite di una buona notizia in mezzo a tanti problemi? Oggi è il giorno di riprendere l’iniziativa di Assolombarda sulla puntualità dei pagamenti e dire che si sta muovendo in modo virale. Dunque non è stato solo un annuncio vuoto, ma con l’impegno sta crescendo il numero di imprese che hanno deciso di distinguersi dal mucchio per la correttezza nel rispetto dei termini di pagamento, in controtendenza con la pratica nazionale di pagare quando si ha voglia (o per molti altri quando si incassa…). I 37 membri fondatori sono diventati 100 dopo 2 mesi e speriamo che il contagio prosegua.

Ecco l’annuncio di Assolombarda:

Codice Italiano Pagamenti Responsabili, a quota 100 le aziende aderenti

Garantiti pagamenti regolari tra imprese per oltre 60 miliardi di euro l’anno. Bonomi: l’obiettivo adesso, in collaborazione anche con Confindustria, è quello di estendere sempre più a livello nazionale questo strumento.
Codice Italiano Pagamenti Responsabili, a quota 100 le aziende aderenti.


Milano, 23 luglio 2014 – A soli due mesi dal lancio sono già 100 le imprese che hanno deciso di aderire al Codice Italiano Pagamenti Responsabili, il primo Codice in Italia dedicato specificamente al tema della regolarità nei pagamenti e promosso da Assolombarda.

Sono aziende di ogni dimensione e appartenenti a vari settori che effettuano acquisti e pagamenti regolari per oltre 60 miliardi di euro ogni anno. Tra di esse 39 operano nel settore manifatturiero, 26 in quello dei servizi alle imprese, 14 nel settore ICT, 10 nella filiera della sanità.
Attraverso l’adesione al Codice le aziende si impegnano a rispettare i tempi di pagamento pattuiti con i loro fornitori e, più in generale, a diffondere una cultura in materia di pagamenti puntuali, efficienti e trasparenti, incoraggiando l’adozione del Codice lungo l’intera filiera. Le aziende aderenti possono utilizzare il relativo marchio su tutti i documenti aziendali certificando così la resposabilità in materia di pratiche di pagamenti.
Ispirato all’iniziativa del Prompt Payment Code britannico, il Codice Italiano Pagamenti Responsabili è uno dei 50 progetti del Piano Strategico di Assolombarda per ‘Far volare Milano’ e si avvale del contributo dell’Università Bocconi in qualità di advisor scientifico.
“Questo risultato davvero apprezzabile ci sprona a proseguire nella sfida che ci eravamo posti lanciando l’iniziativa: innestare un ‘circolo virtuoso’ per favorire la diffusione di pratiche di pagamento puntuali, trasparenti ed efficienti nella convinzione che ciò aiuti le imprese italiane a migliorare la loro reputazione in Italia e all’estero rendendole più competitive – afferma Carlo Bonomi, vicepresidente di Assolombarda per Credito, Finanza, Fisco – Tempi contrattuali ragionevoli e regolarmente rispettati consentono alle aziende di migliorare la gestione finanziaria e ridurre i costi. Chi paga puntualmente produce un immediato beneficio per i propri fornitori e per la propria azienda.”
“Già ora, grazie a queste prime 100 aziende, il Codice genererà benefici per una filiera complessiva di circa 200.000 imprese – conclude Bonomi – L’obiettivo adesso, in collaborazione anche con Confindustria, è quello di estendere sempre più a livello nazionale questo strumento di autodisciplina nei pagamenti tra le imprese nel settore privato”.

Il Codice Italiano Pagamenti Responsabili ha un sito web dedicato www.pagamentiresponsabili.it in cui si trovano tutte le informazioni sulla modalità di adesione, sulle aziende aderenti e sui partner dell’iniziativa.

Un grazie ad Assolombarda per lo sforzo di contagio, soprattutto se riuscirà a sfondare anche nelle altre territoriali, che stavano ad aspettare i progressi milanesi prima di impegnarsi in una battaglia che sicuramente non piace a tutti gli iscritti di Confindustria. La puntualità dei pagamenti è un fatto molto più importante di quanto si possa valutare a prima vista: interessa alle piccole imprese per avere liquidità, alle banche che aspettano pagamenti e anticipano fatture per evitare inutili aggravi amministrativi, è parte del circuito del credito che si è inceppato.

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

OrientatoriCentro Commerciale Vomero ArenellaApcoBanca EticaSOS Impresa SalernoTeamFourAndrea BertiniRe-InnovaBridge CapitalSuor Orsola BenincasaLettera 43Real TimeMoney FarmUnimecatorumContasConfimpreseNuove Frontiere LavoroAngaisaBW ConsulenzaZululab

 

InMind Consulting S.r.l. - P.IVA 07414621214
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.inmindconsulting.eu