Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn

Lo tsunami del Nsfr spiegato ad Alessandra

Lo tsunami del Nsfr spiegato ad Alessandra

Articolo a cura di Vincenzo Imperatore su Il Roma

Il linguaggio della finanza è consapevolemente difficile e diventa incomprensibile quando si traduce in "banchese". L'obiettivo che mi pongo ogni volta che scrivo di questi argomenti è la comprensione anche da parte di mia figlia Alessandra di 15 anni. È chiaro per Alessandra? Lo ha capito Alessandra? Su queste basi riaffrontiamo un tema di cui si parla molto poco: l'obbligo per le banche, introdotto dalla Commissione europea, di rispettare, oltre al più volte commentato Core Tier 1, un altro indice di liquidità per ridurre i rischi del dissesto.
Traduzione per Alessandra: per non far fallire una banca e rischiare di non restituire i soldi a chi li ha depositati dopo una vita di sacrifici e di risparmi occorre controllare gli istituti di credito sulla base di un indicatore che ti segnala il pericolo, un po' come quello che hai sul tuo smartphone e che ti segnala che la batteria del telefono si sta scaricando. Questo indice è il Net Stable Funding Ratio (Nsfr) e punta a rafforzare la capacità di una banca di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, su un più lungo orizzonte temporale (un anno).
Traduzione per Alessandra: questo indicatore deve fare una previsione di ciò che potrebbe succedere ai miei risparmi se tra un anno un terremoto facesse crollare l'edificio dove stava la cassaforte con i miei soldini. L’Nsfr è definito come il rapporto tra l’ammontare disponibile di provvista stabile (Available Amount of Stable Funding, Asf) e l’ammontare obbligatorio di provvista stabile (Required Amount of Stable Funding, Rsf). Anche qui, il requisito imposto è che tale rapporto sia maggiore del 100%. L’orizzonte temporale considerato per valutare la provvista stabile è di un anno. Per provvista stabile si intendono «i tipi e gli importi di capitale di rischio e di debito che si ritiene costituiscano fonti affidabili di fondi su un orizzonte temporale di un anno in condizioni di stress prolungato». L’ammontare disponibile (Asf) di questa provvista è quella parte di patrimonio e di passività che è ritenuta essere ‘‘affidabile’’ (cioé che non va via) entro l’anno: capitale, azioni privilegiate con scadenza uguale o superiore all’anno, passività con scadenza pari o superiore l’anno. L’ammontare obbligatorio (Rsf) è invece l’ammontare di provvista richiesto all’intermediario dal comitato di Basilea. Tale ammontare è calcolato in funzione di alcune caratteristiche delle attività detenute e delle esposizioni fuori bilancio, quali per esempio la vita residua o altre caratteristiche di liquidità. Esso è composto dagli investimenti in “attività (investimenti) meno liquide” che approssimano la necessità di funding stabile, quali azioni e obbligazioni, prestiti, immobili, partecipazioni e operazioni fuori bilancio.
Traduzione per Alessandra: è una frazione il cui valore deve essere superiore a 1 (quindi il numeratore deve essere superiore al denominatore). Al numeratore abbiamo la somma di risparmi che i cittadini hanno depositato in banca con l'obiettivo di prenderseli dopo un periodo di tempo almeno superiore a un anno, mentre al denominatore abbiamo la somma minima di soldini che la banca deve tenere a disposizione di questi stessi cittadini nell'eventualità questi rivogliano indietro i loro risparmi.
Questo "salvadanaio" di cautela (denominatore) viene calcolato tenendo presente che la banca quei risparmi li ha prestati ad altri cittadini che potrebbero non restituirli più per effetto della crisi economica. Questo indice impatterà negativamente sui già disastrati bilanci delle banche per effetto di una atavica (e consapevole) distorsione nell'utilizzo del funding e della conseguente trasformazione delle scadenze di cui, finora, non si è mai parlato e che ha inciso, nel mancato rispetto delle leggi di bilancio, positivamente nella creazione di quel po' di reddito negli ultimi anni. L’attività bancaria finora ha infatti tratto profitto da investimenti a medio-lungo termine (mutui e prestiti oltre 18 mesi) a fronte di una raccolta a breve termine (entro 18 mesi) che solitamente avviene a un tasso più contenuto. Traduzione per Alessandra: poche banche riusciranno ad avere quell'indice con valore superiore a 1 perché hanno preso i soldi che i cittadini hanno depositato con l'obiettivo di poterne chiedere il rimborso anche domani e li hanno prestati ad altri cittadini (già in difficoltà economica) che devono invece restituirli dopo tanto tempo. Con la conseguenza che con l'introduzione dell'Nsfr potremmo osservare una ulteriore diminuzione dei prestiti (già pochissimi) erogati dalle banche ai cittadini e potrebbe aumentare il rischio di non riavere più indietro i soldi depositati. Qui non c'è bisogno di traduzione per Alessandra.

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

Andrea BertiniTeamFourUnimecatorumMoney FarmSOS Impresa SalernoBanca EticaRe-InnovaSuor Orsola BenincasaOrientatoriCentro Commerciale Vomero ArenellaZululabReal TimeAngaisaApcoNuove Frontiere LavoroBW ConsulenzaConfimpreseContasLettera 43Bridge Capital

 

InMind Consulting S.r.l. - P.IVA 07414621214
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.inmindconsulting.eu