Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn

LA FINANZA ALTERNATIVA CHE CRESCE E CORRE ..........MA NON IN ITALIA !!!

tratto da www.linkerblog.biz

LA FINANZA ALTERNATIVA CHE CRESCE E CORRE ..........MA NON IN ITALIA !!! Torniamo a parlare di finanza ‘alternativa’ perché non è possibile illudersi che la crisi del credito riversata su famiglie e imprese possa essere risolta in Italia solo con le misure, pur valide, varate per facilitare le emissioni obbligazionarie (minibond) prima dal ‘Decreto Sviluppo’, e ora con il secondo decreto noto come ‘Destinazione Italia’, diventato legge tre giorni fa con l’approvazione al Senato. C’è molto di più da fare nel nostro paese: è sufficiente buttare lo sguardo oltre Manica o oltre oceano per rendersene conto.
Le attività di finanza alternativa come il crowdfunding il peer-to-peer lending e il commercio di fatture stanno diventando un importante meccanismo di funding nel Regno Unito negli ultimi anni. Risponendo alla necessità di capitale di privati e di imprese, facilitando la raccolta di fondi per progetti sociali i nuovi intermediari della finanza alternativa hanno creato mercati online sui quali soggetti diversi dai tradizionali intermediari creditizi collaborano per creare flussi di capitale.
Lo conferma una recente ricerca condotta dall’University of Cambridge e dall’University of California, Berkeley su 50 intermediari di finanza alternativa -che rappresentano il 95% del mercato UK. Lo studio rivela che il mercato della finanza alternativa è cresciuto nel 2013 del 91% da 492 milioni di sterline a 939 milioni. Il tasso di crescita negli ultimi tre anni è stato del 75% e la finanza alternativa ha contribuito per 1,7 miliardi di sterline ai finanziamenti personali, alle imprese e alle organizzazioni benefiche. Se nel 2013 il crowdfunding per iniziative di beneficenza rappresenta ancora il segmento più importante, la crescita di tutti gli altri segmenti è notevolissima e diversificata: +611% nell’equity-based crowdfunding, +211% nel peer-to-peer business lending , +167% nel trading di fatture.

Rispetto ai fabbisogni delle imprese il mercato inglese della finanza alternativa ha fornito ben 463 milioni di £ nel periodo 2011-2013 a oltre 5.000 piccole e medie imprese e startup, di cui 322 solo nel 2013. La previsione di crescita di questo segmento è pari a 840 milioni nel 2014 solo per le imprese.




Lo studio evidenzia alcune delle componenti che sono il motore di una straordinaria crescita, alcune ovvie, altre meno evidenti ma ugualmente decisive. Tra le prime l’accelerazione a partire dal 2009 della nascita di nuove imprese promosse da adulti (nel senso di 40-50enni espulsi dal mondo delle grandi imprese) e il credit-crunch imposto sulle PMI da praticamente tutti i sistemi bancari europei.
Tra le seconde la combinazione vincente tra network e comunità, a volte marginalizzate e con minore facilità di raggiungere gli investitori, e il rapido progresso di social media e mercati digitali online che facilitano con semplicità l’interazione di questi network e il collegamento al mondo degli investitori. La monetizzazione dei social network e la fiducia nell’e-commerce sono veri e propri trend socio-economici che oggi alimentano la crescita della finanza alternativa.
L’Italia, come sempre, è rimasta indietro ma non può permettersi di ignorare cosa sta succedendo nel resto del mondo.
Certamente non lo farà questo blog che si conquista lettori giorno dopo giorno guardando avanti e non solo commentando il passato con i suoi troppi errori.
Insieme ad altri contributori che come noi studiano i nuovi mercati vorremmo far nascere una nuova ‘piazza virtuale’ dove discutere di finanza alternativa più diffusamente.
Per provare a svegliare la bella addormentata.


Intanto vi segnalo questo interessante convegno del Politecnico di Milano, con il nuovo titolo modificato in corsa per cogliere l’interesse delle imprese, più accattivante rispetto a quello originario tecnico e un po’ accademico (“Supply Chain Finance: nuove opportunità di collaborazione nella filiera”)

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

Nuove Frontiere LavoroConfimpreseMoney FarmAngaisaSuor Orsola BenincasaBW ConsulenzaBridge CapitalContasSOS Impresa SalernoReal TimeRe-InnovaApcoAndrea BertiniTeamFourOrientatoriUnimecatorumBanca EticaLettera 43Centro Commerciale Vomero ArenellaZululab

 

InMind Consulting S.r.l. - P.IVA 07414621214
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.inmindconsulting.eu