Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn

IL CREDIT CRUNCH E' PEGGIORE DI QUANTO VI RACCONTANO

IL CREDIT CRUNCH E' PEGGIORE DI QUANTO VI RACCONTANO La vera dimensione della ‘straordinaria contrazione’ del credito (che non è la stessa cosa di credit-crunch secondo la diplomatica ironia del primo ministro) non appare essere quella dei numeri totali comunicati dalla Banca d’Italia e dall’ABI.
Questa è la scoperta fatta sfogliando le pubblicazioni della stessa Banca d’Italia sulle Economie Regionali. Nelle tabelle contenute negli ultimi rapporti pubblicati in giugno se ne può trovare una che mostra l’effettivo tasso di riduzione del credito alle imprese nelle sue principali forme tecniche (scoperto di c/c. anticipo fatture e finanziamenti a scadenza ), che sommate rappresentano circa il 90% del credito erogato. E i dati sono a dir poco sorprendenti. Prendendo 6 tra le principali regioni d’Italia (Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Campania, Lazio e Toscana)si scopre che i volumi di aperture di credito in conto corrente sono diminuiti dell’11% tra dicembre 2012 e dicembre 2013, gli anticipi fatture e il salvo buon fine sulle RiBa sono scesi del 12% e i finanziamenti a scadenza dell’8,3%.
In totale molto di più di quel 4-5% di riduzione dichiarato dalle statistiche aggregate.
Prendendo il dato medio non ponderato per le 6 regioni la differenza sarebbe di quasi il 6% (4,85% con sofferenze e pronti-termine, contro 10,50% di dato depurato).
Perché questa differenza?
Lo rivelano le note alle tabelle pubblicate nei rapporti. Il dato complessivo di credito alle imprese contiene anche le sofferenze (che sono stabili per definizione........quello che le imprese non potevano restituire alla fine del 2012 e' rimasto invariato ......continuano a non poterlo restituire !!!)) e i volumi di pronti-termine (uno strumento finanziario  utilizzato dalle imprese per ricevere finanziamenti nel breve periodo, smobilizzando temporaneamente il proprio portafoglio titoli), il fattore che distorce il dato sul credito effettivo.
Depurata di queste due componenti la stretta del credito mostra la sua peggiore faccia su valori che come si vede si avvicinano al 10%, confermando una sensazione che veniva dalla pratica quotidiana e dalla vicinanza con le imprese.
Per amore di precisione e concretezza. Per non parlare poi dei tempi di attesa per le risposte alle richieste di finanziamenti che sono STRATEGICAMENTE dilatati (nonostante l'accordo PATTI CHIERI) per evitare di dire un NO (le statistiche dimostrerebbero in tal caso che il sistema bancario non aiuta le imprese) e "costringere" le imprese a RINUNCIARE mettendo in discussione piani industriali e di sviluppo 
Ma di questo parleremo a breve ......per il momento nessuna lusinga.....i tempi continueranno ad essere duri per le imprese!!!

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

ContasAngaisaBW ConsulenzaSOS Impresa SalernoLettera 43Suor Orsola BenincasaZululabCentro Commerciale Vomero ArenellaUnimecatorumTeamFourAndrea BertiniApcoConfimpreseNuove Frontiere LavoroReal TimeBridge CapitalMoney FarmRe-InnovaBanca EticaOrientatori

 

InMind Consulting S.r.l. - P.IVA 07414621214
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.inmindconsulting.eu