Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn

Banca popolare di Bari, ennesimo esempio di un sistema fallito?

Chi doveva vigilare, cioè Bankitalia e Consob, non ha vigilato. Politica e finanza si sono scambiati favori. Ora i risparmiatori rischiano di fare la fine di Bpvi e Veneto Banca. Tutelatevi prima che sia troppo tardi.

Banca popolare di Bari, ennesimo esempio di un sistema fallito?

Articolo di Vincenzo Imperatore su Lettera43

Forse scriverò alla redazione di Chi l’ha visto? per la soluzione di questo mistero insoluto: che fine hanno fatto i “buonisti” che dicevano che la Banca popolare di Bari non sarebbe potuta crollare, altrimenti sarebbe stato un disastro per l'intero territorio visto che quotava circa 70 mila azionisti e quasi 3.500 dipendenti?

INCHIESTA PER PRESUNTE VORAGINI. Queste erano le voci autorevoli della politica, questi i commenti dei media specializzati dopo che la magistratura aveva aperto una inchiesta su presunte voragini nascoste nei bilanci di questa banca e derivanti, secondo l'accusa, da malagestio, prestiti anomali, acquisizioni di altri istituti decotti.

UN NUOVO CASO MONTE PASCHI? Anche in questo caso siamo di fronte allo stesso classico schema “italiano”, laddove finanza e politica si sono scambiati favori con le risorse dei correntisti che sono serviti per finanziare i progetti fallimentari degli “amici degli amici“ in paradossale contrasto con la ufficiale e dichiarata politica creditizia della banca che invece ha chiuso le porte del credito solo ai comuni cittadini. Tanto per cambiare, chi avrebbe dovuto vigilare - Bankitalia e Consob - non ha vigilato. Se fosse così, saremmo di fronte a un nuovo caso Monte Paschi (o Popolari venete).

Se mai dovesse verificarsi l’ennesimo default di una banca, che può crollare per vari motivi, non sarà più possibile un nuovo salvataggio statale mettendo le mani nelle tasche degli italiani.

Forse così inizierà il mio editoriale tra qualche mese se mai dovesse verificarsi l’ennesimo default di una banca che può crollare per vari motivi. Perché non sarà più possibile un nuovo salvataggio statale (mettendo le mani nelle tasche degli italiani) di un istituto di credito. Perché l’Ue nei prossimi mesi affronterà le revisioni dei due provvedimenti europei che regolamentano i fallimenti bancari e i requisiti di capitale.

PER I MANAGER PENE NON INASPRITE. Perché è ormai acclarato (a breve ne avremo le testimonianze) che gli attuali controlli di Bankitalia e Consob sono solo formali. Perché i requisiti patrimoniali sono garantiti attraverso “magheggi” che nemmeno il mago Silvan. Perché le pene per i manager che mettono in ginocchio le banche non saranno inasprite.

C'È QUALCUNO CHE COMPRA A UN EURO... Un consiglio quindi alle migliaia di risparmiatori danneggiati e che hanno visto azzerarsi i loro risparmi: tu-te-la-te-vi! Prima che sia troppo tardi perché poi si trova sempre qualcuno disposto ad acquistare la banca a un euro. Chiedete ai risparmiatori di Popolare di Vicenza e Veneto Banca.

ShareBox@FB


Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per tutte le ultime info e news aggiornate....


Partners

Money FarmBridge CapitalUnimecatorumBanca EticaApcoNuove Frontiere LavoroContasRe-InnovaConfimpreseLettera 43Andrea BertiniSOS Impresa SalernoTeamFourReal TimeSuor Orsola BenincasaCentro Commerciale Vomero ArenellaZululabOrientatoriAngaisaBW Consulenza

 

InMind Consulting S.r.l. - P.IVA 07414621214
Piazza G. Bovio 22, Napoli - Tel./Fax 081.19806273
web: www.inmindconsulting.eu